24 novembre 1948 – Bondeno (Ferrara)

Nel corso di una manifestazione per richiedere la gestione diretta del collocamento al lavoro, le forze di polizia aprono il fuoco uccidendo il contadino Fernando Ercolei e ferendone altri 10.

“Cremona 2015 non è ancora finita”: su devastazione e saccheggio e l’uso strumentale del reato

Un approfondimento sull’articolo 419 del codice penale, quello conosciuto come il reato di “devastazione e saccheggio”.

Lo ha fatto Matteo con una lettera (vedi sotto), compagno leccese che venne arrestato per la grande giornata antifascista a Cremona del gennaio 2015, indetta dopo un agguato fascista che portò Emilio, un attivista del centro sociale Dordoni, in coma.

Una vicenda processuale che coinvolge lui come molti altri attivisti e manifestanti, colpiti da “devastazione e saccheggio” attraverso l’uso strumentale del reato stesso. Con la lettera e l’appello di Matteo torniamo a parlare di questo tema per non dimenticare questa vicenda, per ricordare lo stato del processo e quella giornata di lotta, anche attraverso il fondo comune che è stato aperto per sostenere le realtà che si oppongono a questo reato.

L’intervista a Matteo, compagno leccese accusato di “devastazione e saccheggio”. Ascolta o Scarica.

Di seguito la lettera.

Ciao a tutte e tutti,

sono Matteo, uno degli arrestati per la grande giornata antifascista del 24 gennaio 2015 a Cremona. Il 10 dicembre nel Palazzaccio di Giustizia di Brescia, ancora una volta, si terrà una triste e grigia udienza, presieduta da altrettanti tristi e grigi togati, che determinerà il mio prossimo futuro: come scontare, cioè, la pena divenuta oramai definitiva ad anni 3 e mesi 8 per il reato numero 419 del codice penale – alias l’ignobile devastazione e saccheggio.

A più di quattro anni da quel 24 gennaio, Cremona 2015 ancora non è finita.

In tantissimx di sicuro ricorderete i giorni di rancore, frustrazione e dispiacere che precedettero quella dirompente manifestazione e le notizie che giungevano dalla città dei violini, nella quale un compagno era stato massacrato durante un vile agguato fascista.

Quella volta il limite si era ampiamente superato, Emilio lottava fra la vita e la morte.

Ricorderete come in quella giornata, in migliaia, generosamente e coraggiosamente, decisero in prima persona e con i propri corpi di riempire le strade della città e di rispondere con determinazione alla vile aggressione operata da Casapound.

Arrivammo a Cremona per ribadire con fermezza che episodi di quel tipo non fossero più tollerabili e che fosse necessario, e sempre più urgente, opporsi con tenacia alla presenza di sedi fasciste, a Cremona ed altrove.

E quel meraviglioso sabato lo dimostrò ampiamente.

Il freddo pungente, l’odore acre dei lacrimogeni, l’assetto da guerra che ci accolse, non fermarono un corteo numeroso e determinato, che cercò in tutti i modi di raggiungere la sede cittadina dei seminatori di odio.

Attraversammo le strade della città, carichi di ira e di apprensione nel sapere un compagno quasi in fin di vita per mano dei camerati del terzo millennio e di quelle istituzioni che ancora una volta si erano distinte per la loro ambiguità e il loro atteggiamento da Giano Bifronte; da un lato, con la solita disgustosa retorica politichese, condannavano fermamente l’inaccettabile episodio di violenza, dall’altro, nel tempo e in passato, molto, troppo, avevano fatto per contribuire allo sdoganamento e alla legittimazione nei territori di Casapound e di altri rigurgiti nostalgici.

Era davvero troppo tardi per rimanere calmi.

Il fiume in piena quel pomeriggio dilagò rompendo qualsiasi tipo di argine.

La volontà giudiziaria riguardo i fatti di Cremona, fu quella di fare in fretta, di concludere quanto prima. Il ricorso ad una tipologia di reato come quella dell’art.419 – che evoca scenari apocalittici di manzoniana memoria, propri di una guerra civile – e le conseguenti condanne, evidenziarono una totale complicità dello stato nell’avallare istanze neofasciste e xenofobe.

Ciò si rese ancor più evidente nel corso delle molteplici udienze, nei vari gradi di giudizio, incentrate sul tentativo di equiparare un’aggressione di matrice politica ben precisa ad una rissa e ad uno scontro tra bande. In tali sedi, inoltre, si è sostenuto, più e più volte, che fascismo ed antifascismo sono categorie storiche ampiamente superate, alla faccia di chi, proprio da chi si definisce fascista, era stato ridotto in fin di vita.

Come spesso accade in questi casi, si “colpì nel mucchio”, riesumando quel “reato dormiente” – almeno sino alla fine degli anni ’90 – di Devastazione e saccheggio, ereditato dal fascistissimo Codice Rocco del 1930 e mai riformato, già utilizzato per i fatti di Genova 2001, Milano 2006, Roma 2011, (successivamente anche a Milano in occasione di Expo 2015).

L’articolo 419 c.p. prevede pene detentive che vanno dagli 8 ai 15 anni e mira a colpire individui e movimenti nella loro fase aggregativa, in contesti di mobilitazione di piazza. Si tratta di un capo d’accusa utilizzato, ancora una volta, come efficace strumento di contrasto della conflittualità sociale poiché mira a dispensare condanne pesantissime e a ‘devastare’ movimenti o grandi giornate di opposizione diretta.

Nella fattispecie cremonese, la tesi accusatoria affondò i suoi presupposti non concentrandosi sui “gravi comportamenti delittuosi e i molteplici danni” che scaturirono dalla rivolta antifascista, bensì affermando e sottolineando il fatto che la quiete, la pace e la ‘stasi sociale’ era stata turbata e messa in pericolo, individuando essa stessa, quindi, come condizione “normale” ed imprescindibile della società, da preservare con il massimo impegno e rigore.

La volontà, dunque espressa quel sabato, di ribadire con determinazione e fermezza che agguati nostalgici avallati da ambigui comportamenti istituzionali non erano più accettabili e tollerabili, si scontrò con l’inammissibile interruzione della “normalità”, della “pace sociale” e del “decoro urbano” della piccola provincia lombarda.

Senza dilungarmi troppo su come la terminologia che costituisce questo tipo di reato da un punto di vista semantico sia stata totalmente avulsa, storpiata e distorta dal potere costituito e dall’apparato giudiziario (cosa si intende per devastazione? cosa si intende per saccheggio? la precarietà di futuro e di vita a cui ci costringono può essere definita normale mentre il danneggiamento di 3 istituti bancari devastazione?!?!).

Credo sia bensì necessario cercare quanto prima di riflettere, discutere e confrontarci per tutelarci e difenderci da questo tipo di dispositivo giudiziario, oramai ampiamente sdoganato.

Di frequente – a partire dall’uso strumentale ed improprio di tale reato per le contestazioni di Genova 2001- le giornate di grande mobilitazione che hanno visto la partecipazione di numerosissimx compagnx e che sono sfociate in dure e dirette pratiche di opposizione, hanno subìto questo tipo di repressione e la conseguente mannaia della sovra-determinazione giuridica.

La peculiare caratteristica del reato e le sue pene così elevate, sembrano particolarmente adatte a colpire situazioni di conflittualità di piazza molto diverse tra loro e spesso si è rivelato quanto mai difficile e complicato costruire percorsi di vicinanza e solidarietà ampi e duraturi nei confronti degli imputati e delle imputate.

I lunghi tempi processuali, le possibili gravità delle condanne, l’etichettamento diffamatorio da parte di organi statali e dell’opinione pubblica, le varie e variegate scelte processuali nell’affrontare processi in cui spesso sono solo e soltanto i giudici a decidere se una particolare situazione corrisponda o no alla fattispecie dell’articolo, seguendo criteri fumosi e alquanto contraddittori, hanno contribuito ad un disgregamento di percorsi solidali e di lotta orientati a contrastare tale dispositivo.

Non ho risposte e quantomeno risoluzioni adatte.

Qualche anno fa, quando correvano simultaneamente nelle procure di Roma, Milano e Cremona tre accuse di devastazione, si cercò insieme a tanti compagni e tante compagne generosx, fra cui l’infaticabile e inarrestabile Peppino, di mettere insieme e di far partire un percorso legato strettamente al reato di devastazione e saccheggio.

Credo sia necessario riprendere questo percorso.

Io, insieme a tantx compagnx e solidalx abbiamo una grande voglia di metterci in gioco e capire come e con quali mezzi si possa smontare tale reato, sia da un punto di vista politico sia da un punto di vista giudiziario/processuale, magari anche partendo dalla mia esperienza.

Intanto, abbiamo deciso assieme all’Associazione Bianca Guidetti Serra – che da anni si occupa di fornire sostegno legale e di affrontare tematiche come il carcere e la repressione dei movimenti sociali– di creare un fondo comune per sostenere le realtà che si oppongono a questo reato.

Vi abbraccio forte e ringrazio chiunque stia spendendo ogni singola energia in vista della prossima tappa giudiziaria.

Matteo

Info: articolo419lecce@libero.it

da Radio Onda d’Urto

Cariche della polizia al comizio di Salvini, attivista minacciata: “T’infilo il manganello nell’ano”

La denuncia shock di una manifestante di un collettivo di sinistra, che ieri ha partecipato alla contestazione contro Salvini: “Sono stata presa e trascinata fuori dalla folla, mi hanno preso e buttata a terra, presa a manganellate e trascinata lontano dalle telecamere per il collo fino quasi a non avere più respiro”.
Circa duemila manifestanti si sono dati appuntamento in Piazza della Repubblica a Firenze, poco lontano Piazza Strozzi, dove si è svolto poi il comizio del vicepremier leghista Matteo Salvini, a sostegno del candidato sindaco di centrodestra Ubaldo Bocci. Intorno alle 20:20 un centinaio di persone aderenti a diversi collettivi, tra cui Iam (Iniziativa antagonista metropolitana), Cua (Collettivo universitario autonomo), Cas (Collettivo antagonista studentesco) e Collettivo femministe Spine nel fianco hanno tentato di forzare il cordone a Piazza Strozzi e sono stati a più riprese respinti dagli agenti di polizia. Dopo le due cariche di alleggerimento iniziali la polizia è intervenuta di nuovo per respingere un tentativo di sfondamento. Gli scontri hanno provocato diversi feriti, come hanno denunciato in un post su Facebook il sito web ‘Firenze dal basso’, che ha pubblicato le foto di una giovane attivista che mostra segni evidenti di lividi in diverse parti del corpo. La ragazza è stata letteralmente assalita dagli agenti e ha riferito di aver subito pesanti offese verbali, con minacce e percosse.
Questa la sua testimonianza:



Ieri 19 Maggio durante una carica di “alleggerimento” delle forze dell’ordine di Matteo Salvini sono stata presa e trascinata fuori dalla folla, dietro ai giornalisti, 3 agenti ( a cui se ne sono aggiunti 2 successivamente) mi hanno preso e buttata a terra, presa a manganellate e trascinata lontano dalle telecamere per il collo fino quasi a non avere più respiro,messa a terra , minacciata di infilarmi “il manganello nell’ano se non stavo ferma Immobilizzata, identificata , sono stata rilasciata perché “il pezzo grosso” ha dichiarato che non avevo fatto niente e che stavano esagerando. Umiliata, con i vestiti a brandelli sono stata rilanciata nella folla senza nessun rispetto. Quello che è successo ieri fa male al cuore , alla speranza , alla voglia di esserci , di manifestare i propri pensieri e il proprio dissenso dal disastro che si sta creando. Non dimenticherò mai lo sguardo dell’agente che mi ha assalito. Il suo sorriso, la sua soddisfazione nell’esercitare un potere forte ,mero, privo di animo , su esseri umani che lottano ogni giorno per un mondo diverso mi ha sconvolto e addolorato più di ogni altra cosa . L’umanità perduta , il sopruso sessuale su una donna ,il calpestare la dignità altrui.
Se questo è un uomo.

Bologna. I fascisti No pasaran! Tutti in piazza oggi

Dal 13 maggio 2000 al 16 febbraio 2018, ogni volta che Roberto Fiore e i fascisti di Forza Nuova hanno provato di mettere piede a Bologna migliaia di antifasciste e antifascisti sono scesi in piazza, non sottraendosi, quando è stato necessario, alla battaglia di strada.
Quelli di Forza Nuova sono fascisti della peggior specie, seminatori di odio razziale, di sessismo, omofobia e catto-integralismo. Promuovono orgoglio nazionalista e mantenimento della “purezza etnica”, fanno campagne per il blocco dell’immigrazione, la costruzione di muri e reticolati per impedire la libera circolazione delle persone. Si battono per distruggere i diritti di cittadinanza universali, il divorzio e l’aborto. Sono contrarissimi alle “teorie del gender” e allo ius soli che, secondo loro, avvierà la “sostituzione etnica”. 
Predicano e praticano un’ideologia violenta che si fonda sulla repressione e sulla sottomissione delle donne, degli omosessuali, delle persone che seguono religioni diverse da quella cristiana, di quanti non hanno il “bianco” come colore della pelle.
Il loro “matrimonio indissolubile” si basa sul lavoro delle donne tra le mure domestiche e una specie di cottimo per chi sforna figli, chiamato “reddito di maternità”, erogato a “tutte le madri che dimostreranno di essere impegnate esclusivamente nell’ambito familiare”.
Come i fascio/leghisti e come Casa Pound fabbricano a ciclo continuo false paure, producendo bufale diversive, nemici fittizi e capri espiatori. Quando intercettano pulsioni e malcontenti sociali, li incanalano in una squallida guerra tra poveri, in un conflitto basato sull’egoismo sociale dove la miseria di persone in difficoltà verrebbe intaccata dalla povertà di altri esseri umani.
Il loro luogo ideale sarebbe l’Alabama della segregazione razziale e dell’aborto considerato come delitto da carcere a vita, ma si accontentano dello sdoganamento ricevuto dagli editti salviniani e dalle politiche antimigratorie del governo “lega/stellato”.
Nelle porcate che hanno messo in campo in questi mesi si sentono politicamente coperti dal “fascismo istituzionale” che li spalleggia. Se non fosse così non ci sarebbero state le false barricate contro l’arrivo dei profughi (spesso bambini) in qualche quartiere di periferia. Non ci sarebbe stata la vergognosa vicenda del pane calpestato a Torre Maura o l’assedio alla famiglia rom di Casal Bruciato per l’assegnazione di un alloggio popolare. Non si sentirebbero legittimati a negare il diritto all’esistenza per migranti e rom e a minacciare persone, come Mimmo Lucano o volontari di associazioni che lavorano sull’accoglienza e sulla solidarietà.
PER TUTTE QUESTE RAGIONI
LUNEDI’ 20 MAGGIO ALLE ORE 17.00
SAREMO IN PIAZZA MAGGIORE,
PER NON LASCIARE NEANCHE UN CENTIMETRO DI SUOLO PUBBLICO ALLE “TESTE DI FASCIO” DI FORZA NUOVA!

Non dobbiamo lasciare che i fascisti guadagnino terreno. Dobbiamo avere ben chiaro che se non si è attivamente e convintamente contro fascisti e nazisti, si è loro complici.
Tacere di fronte alle violenze fasciste, minimizzarle o derubricarle a elementi di nostalgico folklore, significa esserne conniventi.
Essere antifascisti vuol dire praticare la (più che legittima) difesa contro chi predica queste nuove forme intolleranti e discriminatorie di totalitarismo.
Molte delle strade di questa città sono dedicate ai caduti della Resistenza, più di duemila sono le formelle con i ritratti e i nomi dei caduti partigiani di Bologna raccolte al Sacrario di Piazza Nettuno; quei ragazzi e quelle ragazze che diedero la vita per liberare il nostro paese dalla dittatura mussoliniana non lo fecero per permettere oggi alle carogne fasciste di uscire dalle fogne.
Vorremmo per una volta che ci fosse risparmiata la retorica del “non sono d’accordo con le tue idee ma farò di tutto perché tu le possa esprimere”.
IL FASCIMO NON E’ UN’OPINIONE, E’ UN CRIMINE.
E, come diceva Buenaventura Durruti, «Al Fascismo no se le discute, se le destruye»
NO PASARAN!

17 maggio 1949 – Molinella (Bologna)

Nel corso di uno sciopero generale dei braccianti in Val Padana, è ferita da un colpo di fucile al braccio la socialista Adele Toschi e la mondina Maria Margotti viene falciata da una raffica di mitra, mentre altre 30 persone sono ferite.

Bruxelles – Senzatetto ferito durante un’aggressione poliziesca condannato a 5 anni di carcere!

Lunedì 17 settembre alle 9, un uomo senzatetto che dormiva sul marciapiede nei pressi della Gare du Nord, cade sotto i colpi di armi da fuoco di una delle tante pattuglie di guardie che perlustrano la zona a caccia di persone senza documenti. Gli sparano 3 pallottole. La persona, ferita, viene portata in ospedale. L’uomo aggredito si chiama Ahmed Elasey ed è stato condannato dallo stesso Stato che lo ha ferito a 5 anni di galera.

Qui di seguito la traduzione del comunicato di una campagna di solidarietà e raccolta fondi a sostegno di Ahmed e anche per la copertura delle spese processuali:

“Ahmed Elasey è un senzatetto che dormiva su dei cartoni vicino alla gare du Nord (Bruxelles). Non è raro che sia molestato dalla polizia che a volte gli sequestrava anche quello che possedeva… Il 17 settembre 2018, diversi poliziotti arrivano un’altra volta per farlo sloggiare, ma Ahmad Elasey si rifiuta, si siede per fumare una sigaretta e si vede minacciato da un poliziotto con il suo manganello. In preda alla paura e volendo essere lasciato in pace si alza per andarsene, con il suo coltellino in mano. Spruzzato e accecato dallo spray dei poliziotti, sbattuto contro un muro, picchiato, bloccato, viene preso di mira da un poliziotto che gli spara tre colpi. Uno lo colpisce all’addome, l’altro alla gamba mentre continuano a prenderlo a calci…Alla fine Ahmad è ricoverato in terapia intensiva!
Nonostante tutto questo, l’accusa non sostiene che si tratti di un caso di violenze poliziesche. Anzi, al contrario parla di “un’aggressione con coltello contro un poliziotto: l’autore presunto senzatetto è in uno stato stabile” precisando che si tratta di un belga di origine egiziana. Alcuni potrebbero così immaginare un delitto di qualche balordo…
Imprigionato nonostante necessitasse ancora di cure mediche, è accusato di: tentato omicidio!
In maniera del tutto sorprendente se si considera la consueta lentezza della giustizia, compare in tribunale nel dicembre 2018. Al momento del verdetto, il 21 gennaio 2019, il giudice precisa che il rapporto dei poliziotti indica che Ahmed avrebbe fatto “no” con la testa che gli è utile per non aprire un’inchiesta per i “colpi e le ferite”. Il giudice ritiene che il signor Ahmad “persista nel dormire per strada e che sono state prese sufficienti misure di prevenzione poiché era “manifestamente determinato a combattere”. Del resto, Ahmad vive ai margini e non sembra voler sottomettersi alle regole della società. Per questa ragione rifiuta di concedergli la sospensione della pena.
La sentenza è di 5 anni di prigione, più il pagamento delle spese processuali e di 1000 euro di danni materiali e morali.
Ahmed Elasey è vittima di una politica, quella di scacciare i poveri dallo spazio pubblico.
Queste misure, generalmente prese in nome della sicurezza, assimilano i poveri a dei delinquenti o addirittura a criminali. Le attività quotidiane di una persona senza tetto possono facilmente trasgredire le regole, lasciando agli agenti di polizia un grande margine per decidere chi “minaccia la sicurezza pubblica”. Sembra quasi che sia illegale essere un senza tetto. Un chiaro esempio ne è Ahmed Elasey.
In effetti, il modo in cui la giustizia tratta questi particolari cittadini pone oggi un problema.
Questa violenza contro un uomo a terra, senza risorse, accecato e minacciato dalle forze dell’ordine è perfidamente girata a profitto dei poliziotti aggressori. La vittima condannata!
A tutto ciò noi opponiamo il nostro rifiuto e la nostra rivolta.
Noi non vogliamo essere complici della politica repressiva dello Stato belga.
Noi manifestiamo tutta la nostra solidarietà con Ahmed Elasey.
La solidarietà che si organizzata attorno a Ahmed gli ha permesso di avere un avvocato e di fare  appello.
Questo 23 maggio, siate numerosx a mostrarvi solidali e denunciare questa erroneamente chiamata giustizia che condanna le vittime delle violenze di stato.
Riunione alle 8:30 davanti al Palazzo.
Manifestiamo la nostra solidarietà con Ahmed Elasey e lanciamo una campagna di raccolta fondi per lui e le sue spese processuali.
C/C BE50 0003 8318 0918 (Nadine Saidi) Da specificare Soutient Ahmed.

Passeggiate primaverili

Se escludiamo l’aver reinventato creativamente la forma corteo tramutandola in una passeggiata primaverile sui marciapiedi della stazione Termini e aver fatto respirare un po’ di aria fresca – al posto della quotidiana puzza delle caserme – ad un consistente numero di caschi blu anche ieri, l’impresa dei febbricitanti camerati di forza nuova non sarebbe stata degna nemmeno di un trafiletto sulla colonna destra di Repubblica online.

La solita sparata buona solo a mostrare le proprie misere, sempre più misere forze e a concedere qualche foto a Roberto Fiore, volto sempre in cerca di un primo piano a passo di marcia. Vero è che, anche nel caso in cui la minaccia in camicia nera si fosse mostrata in modo leggermente più concreto, la piazza non l’avrebbero vista neanche col cannocchiale, data l’ampia risposta studentesca e la decisa presenza della Roma antifascista che già dalle giornate di Casalbruciato ha dato prova di efficienza.
Una partecipazione larga e decisamente sentita – una ventata di aria fresca per un’università politicamente asfittica – ma tuttavia non priva di ipocriti entusiasmi: vedere comunque i soliti sinceri democratici avanzare in processione per esaltare Mimmo Lucano non può che lasciare perplessi. Visioni e punti di vista come quelli propri di una certa sinistra diritto umanista che non possono fare a meno di ridurre una delle più grandi sfide che vediamo vivere nelle nostre metropoli a semplice questione umanitaria o assistenzialista non possono di certo convivere con una pratica militante che riporti al centro del discorso politico la presenza e l’organicità alle periferie. Il momentaneo affiatamento che ha visto l’unione tra i capoccia dell’Accademia e masse studentesche, la variopinta dimensione dell’associazionismo e la presenza filo Pd o subito a sinistra (ma non troppo, non sia mai) di questo non può che ricordarci quanto lontana sia una proposta conflittuale e quanto vicine siano le elezioni.

http://www.militant-blog.org/?p=15720

A La Sapienza non si passa

Doveva esserci un comizio di Forza Nuova a Piazzale Aldo Moro, è finita con migliaia di persone che lo hanno impedito prendendosi la piazza nonostante le intimidazioni della polizia.

Qualche decina di militanti fascisti si sono fatti una passeggiata scortati dalla camionette, sommersi dagli insulti dei passanti e abitanti della zona. L’università non l’hanno neanche vista da lontano, non un gran risultato per chi si professa “salvatore della patria”.

L’intransigenza e la determinazione delle migliaia di giovani, docenti, ricercatori che si sono mosse in corteo dall’interno della città universitaria fino a strappare Aldo Moro è stato l’elemento, non scontato e decisivo della giornata. Mimmo Lucano arrivando ad Aldo Moro ha preso parola davanti alle migliaia di giovani ed è stato poi accompagnato alla conferenza che ha visto una grandissima partecipazione.

Tra i fatti del Salone del Libro e quelli della Sapienza è stato messo un punto. Dove ci sono i fascisti non può esserci libertà di opinione. La Sapienza non è stata difesa dall’amministrazione universitaria, non dalle istituzioni democratiche, ma dal protagonismo e dall’attivazione degli studenti, dei ricercatori, dei docenti che fin da subito ci hanno messo la faccia e hanno reagito con decisione alla chiamata di Forza Nuova. La Sapienza è antifascista non per un caso fortuito ma grazie all’impegno quotidiano di chi in questi anni ha sempre messo in campo tutto il necessario per cacciare i fascisti. Oggi è stata segnata un’altra pagina di antifascismo importante

Di questo va preso atto e da questo bisogna ripartire.

Il Rettore Gaudio si è nascosto dietro frasi di circostanza, appellandosi a vaghi problemi di ordine pubblico. Un atteggiamento inaccettabile che è stato contestato lungo tutta la durata della giornata. Il tentativo del rettore di farsi bello davanti alle telecamere serve a poco, in questi giorni si è preso la responsabilità di essere indifferente rispetto a quello che stava accadendo.

D’altra parte l’operato delle forze dell’ordine è stato ancora una volta intimidatorio. Dalla militarizzazione della città universitaria chiudendo gli accessi di quasi tutti i cancelli, alle camionette e reparti schierati contro gli studenti. La rapida passeggiata concessa e coccolata dalla Questura è stata fermata dal presidio che si è spostato immediatamente in direzione dei fascisti. In fondo il Ministro Salvini aveva già dichiarato di voler garantire la libertà di espressione ai fascisti. Il dispositivo securitario posto contro gli studenti è stato completamente disinnescato. La grande partecipazione ha ridicolizzato il divieto di piazzale Aldo Moro annunciato al concentramento della minerva dalla polizia.
In migliaia hanno detto chiaramente che non ci sono divieti per chi l’università la vive.

Il convegno con Mimmo Lucano si è tenuto con una partecipazione straordinaria.

Di questa giornata ci teniamo stretti l’entusiasmo, l’energia e la forza che sono state messe in campo da tutte e tutti noi.

Avevamo promesso che Forza Nuova non sarebbe entrata nella città universitaria e che non sarebbe neanche arrivata ad Aldo Moro, e cosi è stato.

Sapienza Clandestina

Foggia – Contro gli sgomberi, per casa, documenti e contratti, il 6 maggio i lavoratori delle campagne saranno in sciopero

CONTRO GLI SGOMBERI, PER CASA, DOCUMENTI E CONTRATTI, IL 6 MAGGIO I LAVORATORI DELLE CAMPAGNE SARANNO IN SCIOPERO!

Sono diversi mesi che nella baraccopoli di Borgo Mezzanone vediamo le ruspe e centinaia di uomini delle forze dell’ordine, venuti per distruggere le nostre case, costruite con fatica per trovare riparo dopo una giornata di duro lavoro in campagna. La chiamano ‘Law and Humanity’, ma di umano questa operazione non ha proprio nulla. Ci trattano come animali, o nella migliore delle ipotesi come bambini stupidi. Dicono che è colpa nostra, che siamo criminali, che ci piace vivere nei ghetti, che non vogliamo accettare le proposte della Prefettura. Ma con noi non è venuto nessuno a parlare, a spiegarci quali sarebbero le alternative abitative di cui parlano i media. A meno che, quando dicono che sono venuti a parlare con noi, non si riferiscano a quella volta che la polizia si è presentata insieme alla Croce Rossa per distribuire coperte e articoli per l’igiene personale in cambio del nostro nome e cognome su una lista. A cosa servisse la lista, non ce l’hanno spiegato. Dicevano che fosse per i documenti, ma sappiamo che si tratta di menzogne: è dal 2015 che chiediamo la regolarizzazione per chi si spacca la schiena nelle vostre campagne, ma i fatti parlano da soli. Pochissimi sono riusciti ad avere quei documenti, quasi nessuno a Borgo Mezzanone. È come se la Prefettura e la Questura volessero tenerci in questo stato di irregolarità, che fa comodo a chi ci sfrutta. Per poi sgomberarci e lasciarci in mezzo ad una strada, a trovare un altro ghetto, per fare un favore ai politici che fanno campagna elettorale sulla nostra pelle, vantandosi di voler distruggere le nostre case qui a Borgo, come è già successo nel 2017 al Gran Ghetto e pochi mesi fa alla tendopoli di San Ferdinando. Le autorità sanno benissimo che darci i documenti è il primo passo necessario per svuotare i ghetti.

Ma se pensano che ci faremo incantare dai loro specchietti, hanno fatto male i conti. Il 6 maggio gli abitanti della baraccopoli di Borgo Mezzanone, e di tutti gli altri ghetti, saranno in sciopero. Sappiamo benissimo che senza di noi, l’economia di questa provincia, come di molte altre parti d’Italia, crollerebbe. È grazie a noi che le aziende agricole possono rimanere a galla anche davanti alle pratiche ricattatorie della grande distribuzione. Viviamo e lavoriamo in questo territorio, costretti ad accettare condizioni durissime, e meritiamo di essere trattati con rispetto – dalla polizia, negli uffici, per strada. Vogliamo vivere tranquilli. Il nostro lavoro deve essere pagato il giusto, dobbiamo avere i documenti per essere liberi di muoverci, e chi trae profitto dal nostro lavoro deve garantirci il trasporto e l’alloggio! Conosciamo bene le vostre leggi, le leggi che voi stessi non rispettate. Fino a quando non avremo ottenuto risposte reali e soddisfacenti, non ci fermeremo.

Ora basta!

DOCUMENTI, CASA, CONTRATTI PER TUTT*! NO AGLI SGOMBERI, NO AI CAMPI! WE STILL NEED YES!

BRESCIA: GRANDE MANIFESTAZIONE “NO AL RAZZISMO NO ALLA LEGGE SALVINI”

“No al razzismo, no alla legge Salvini” è la scritta sul grande striscione giallo che apriva la manifestazione antirazzista che ha invaso il centro di Brescia. Ci si aspettava un grande corteo ed un grande corteo ha attraversato la città, sabato 4 maggio.

Dalla Brescia, pluriculturale e solidale, è arrivato oggi un segnale d’opposizione al governo e alle politiche istituzionali. In diverse migliaia, almeno 5000 persone, hanno affermato che le guerre tra poveri le vincono i ricchi.

Migliaia di migranti, giovani, studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici hanno dimostrato di aver capito che la propaganda quotidiana del ministro della paura Salvini è finalizzata a creare un capro espiatorio, gli immigrati, contro cui scagliare il malcontento, le frustrazioni e la rabbia degli italiani resi più poveri e insicuri dalle politiche economiche e sociali neoliberiste.

La manifestazione è partita dopo le 15.45 per aspettare le tante e i tanti che si sono attardati a raggiungere piazza Rovetta/largo Formentone.

A lanciare la mobilitazione l’Associazione Diritti per tutti, Magazzino47, Associazioni del Pakistan – Supreme Council, Coordinamento delle Associazioni senegalesi e FABI, Federazione delle Associazioni Bresciane Per L’Immigrazione.

Alle quali poi si sono sommate decine di adesioni: Collettivo Gardesano Autonomo, C.s. 28 maggio, Restiamo Umani Brescia, CGIL Brescia, Confederazione Cobas Brescia, Cub Brescia, ANPI Brescia – Comitato provinciale, Fondazione Guido Piccini, K-Pax, ADL a Zavidovici Onlus, Forum Terzo settore, Associazione Zastava Brescia, Non una di meno, Studenti contro il razzismo Brescia, Unione Sportiva Stella Rossa, APE Brescia, Collettivo N.N., Rete (ex) Operatori dell’Accoglienza, Palestra Popolare Antirazzista, KAOS Collettivo • Culturale • Antifascista, Libera Vallecamonica, Sinistra Anticapitalista Brescia, Medicina Democratica Brescia, Rifondazione comunista federazione provinciale.

Il corteo ha percorso le vie del centro, ha attraversato Piazza della Loggia ed è tornata in largo Formentone dove si è conclusa poco prima delle 18.00.