10 gennaio 1934 : Incendio del Reichstag

https://www.infoaut.org/storia-di-classe/10-gennaio-1934-incendio-del-reichstag

Marinus van der Lubbe nacque a Leida il 13 gennaio 1909. Suo padre, Franciscus Cornelis van der Lubbe, era un forte bevitore di alcool e lasciò la famiglia quando aveva sette anni. Sua madre morì cinque anni dopo. È stato poi cresciuto da una sorella maggiore ed è stato allevato in estrema povertà. La sua pagella diceva che era un “ragazzo di talento di applicazione limitata”. Dopo aver lasciato la scuola Lubbe lavorò come muratore ma dopo un incidente sul lavoro, ebbe entrambi gli occhi danneggiati e trascorse cinque mesi in ospedale. Non si è mai ripreso completamente e ora non era in grado di lavorare e doveva vivere con una piccola pensione di invalidità. Van der Lubbe si interessò alla politica e trascorse la maggior parte del suo tempo libero a leggere e divenne una figura familiare nella Biblioteca pubblica di Leida. Questo includeva libri di Karl Marx e nel 1926 si unì al Partito Comunista dei Paesi Bassi . “Inutile dire che le fondamenta della sua conoscenza da autodidatta erano piuttosto instabili, così che il suo odio per il capitalismo si basava meno sulla scienza marxista che sul suo entusiasmo giovanile e sui sogni utopici del cielo e della terra”.

Marinus van der Lubbe divenne presidente della Lega della Gioventù Comunista di Leida nel novembre 1928. “Scrisse volantini e pubblicò opuscoli di fabbrica e scolastici, in cui attaccava il militarismo e il capitalismo; era presente a ogni riunione di sciopero e manifestazione politica tenutasi a Leida. , e ha lavorato instancabilmente per la causa rivoluzionaria. Le sue attività di oratore pubblico e agitatore lo hanno presto reso una figura ben nota, in particolare tra i disoccupati, che ha guidato durante una serie di manifestazioni per la città “. Nel 1931 van der Lubbe andò in viaggio. Quell’anno è andato in Jugoslavia e Romania. L’anno successivo ha visitato l’Austria e la Polonia. Nell’aprile 1932 fu arrestato. Scrisse al suo amico Koos Vink: “Quando riceverai questa lettera, avrò passato un’intera settimana in una prigione polacca. Mi sono state inflitte tre settimane per l’ingresso illegale e poi verrò rispedito in Olanda. “

Al suo ritorno ha iniziato a frequentare diversi gruppi politici di sinistra. Ha respinto le idee politiche di Stalin e divenne solidale con quelle di Leon Trotsky . Alla fine si unì al Partito dei Comunisti Internazionali (a volte noto come Rade Communists). Questo partito, con una piccola presenza in Olanda, “era critico all’idea stessa di disciplina , e vedeva il riscatto della classe operaia solo nell’azione spontanea”.

Nelle elezioni generali del novembre 1932, il Partito Comunista Tedesco (KPD) vinse 100 seggi al Reichstag . Il Partito socialdemocratico (SDP). ha fatto leggermente meglio con 121 seggi ma è stato il partito nazista con 196, che ha avuto il maggior successo. Tuttavia, quando Adolf Hitler fu nominato cancelliere, nel gennaio 1933, i nazisti avevano solo un terzo dei seggi in Parlamento. Marinus van der Lubbe ha letto di questi eventi sui giornali olandesi. Ha detto al suo amico, Koos Vink, che credeva che la Germania fosse sull’orlo della rivoluzione. Decise di voler svolgere un ruolo in questi eventi e il 3 febbraio 1933 decise di andare a piedi a Berlino . È arrivato quindici giorni dopo. Fu deluso nello scoprire che il KPD non stava resistendo attivamente al governo di Hitler. Ha deciso di prendere in mano la situazione dando fuoco a una serie di edifici pubblici. “Forse una volta che le masse intimidite hanno visto queste roccaforti del capitalismo andare in fiamme, potrebbero scrollarsi di dosso il loro letargo anche a quest’ora tarda.” La mattina del 25 febbraio, van der Lubbe comprò fiammiferi e quattro pacchetti di accendifuoco. Quella notte ha cercato di appiccare il fuoco a un bagno pubblico, al municipio e al palazzo imperiale. In ogni caso, l’incendio è stato scoperto subito dopo e non è stato fatto alcun danno reale.

Reichstag Fire

Tre giorni dopo Marinus van der Lubbe incendiò con successo l’ edificio del Reichstag . Ian Kershaw ha suggerito che Lubbe fosse motivato da un senso di ingiustizia: “Era … un individuo solitario, estraneo a nessun gruppo politico, ma possedeva un forte senso di ingiustizia per la miseria della classe operaia per mano del sistema capitalista. In particolare, era determinato a compiere un atto solitario e spettacolare di protesta di sfida contro il governo … per galvanizzare la classe operaia alla lotta contro la sua repressione “. Marinus van der Lubbe è stato arrestato nell’edificio. Van der Lubbe è stato subito interrogato dalla Gestapo . Secondo Rudolf Diels : “Alcuni del mio dipartimento erano già impegnati nell’interrogare Marinus Van der Lubbe. Nudo dalla vita in su, imbrattato di sporcizia e sudato, sedeva di fronte a loro, respirando affannosamente. Ansimava come se avesse completato un compito tremendo. C’era un bagliore selvaggio e trionfante negli occhi ardenti del suo viso giovane e pallido. “

L’ispettore investigativo Walter Zirpins ha condotto le indagini iniziali. Verso le 21,03 Hans Flöter, un giovane studente di teologia, stava passando l’angolo sud-occidentale del Reichstag quando udì il rumore di vetri rotti. Quando si voltò vide un uomo con un oggetto in fiamme in mano. È corso via e ha trovato un agente di polizia, il sergente Karl Buwert. Quando i due uomini raggiunsero la scena del crimine, videro un uomo che si precipitava dalla finestra agitando una torcia fiammeggiante.

Buwert è stato raggiunto da molti altri poliziotti e alla fine è entrato nell’edificio. E ‘stato l’agente Helmut Poeschel ad arrestare van der Lubbe alle 9,27. In seguito riferì di essere “un giovane alto e ben fatto, completamente senza fiato e spettinato”. Poeschel lo ha perquisito e tutto ciò che ha trovato è stato un “coltellino tascabile, un portafoglio e un passaporto”.

L’ispettore-investigatore Helmut Heisig riporto Marinus all’edificio del Reichstag . “Van der Lubbe ci ha guidato. Non abbiamo indicato la direzione né lo abbiamo influenzato in alcun modo. Era quasi felice di mostrarci il percorso che aveva fatto . Ha detto che aveva un eccellente senso dell’orientamento a causa della sua scarsa vista.

I giornali stranieri hanno riferito che probabilmente il governo nazista era stato dietro l’incendio. Willi Frischauer , corrispondente da Berlino per il quotidiano di Vienna , Wiener Allgemeine Zeitung , ha commentato : “Non vi può essere alcun dubbio che l’incendio che ora sta distruggendo il Reichstag fu effettuato da scagnozzi del governo hitleriano. A quanto pare, gli incendiari usarono un passaggio sotterraneo che collegava il Reichstag al palazzo del suo presidente, Hermann Göring “. Van der Lubbe ha negato di aver fatto parte di una cospirazione comunista e di non avere alcun collegamento con il Partito socialdemocratico (SDP) o il Partito comunista tedesco (KPD). Ha insistito che ha agito da solo e che l’incendio del Reichstag è stata una sua idea. Ha continuato affermando: “I lavoratori dovrebbero ribellarsi contro l’ordine statale. I lavoratori dovrebbero pensare che sia un simbolo di una rivolta comune contro l’ordine statale”. Hermann Göring , che aveva il controllo delle indagini, ha ignorato ciò che aveva detto van der Lubbe e il 28 febbraio ha rilasciato una dichiarazione affermando di aver impedito una rivolta comunista. Il 3 marzo, van der Lubbe fece una piena confessione: “Io stesso sono un uomo di sinistra, e sono stato membro del Partito Comunista fino al 1929. Poiché gli operai non avrebbero fatto nulla, dovevo fare qualcosa da solo. Consideravo l’incendio un metodo adatto. Non volevo danneggiare i privati ​​ma qualcosa che appartiene al sistema stesso . Ho deciso per il Reichstag. Quanto alla questione se ho agito da solo, dichiaro con forza che è stato così “. Il 9 marzo 1933, anche tre bulgari, Georgi Dimitrov , Blagoi Popov e Vassili Tanev , furono arrestati dopo che un cameriere sospetto aveva informato la polizia che si erano comportati in modo strano. Dimitrov era stato un attivista sindacale prima di aiutare a formare il Partito Comunista Bulgaro nel 1919. Dimitrov andò a vivere in Unione Sovietica ma nel 1929 si trasferì a Berlino dove divenne capo della sezione centroeuropea del Comintern . Tuttavia, il governo nazista non sapeva che Dimitrov era una delle figure più importanti del “movimento comunista internazionale”. L’ispettore investigativo Walter Zirpins si convinse che questi uomini avessero detto a van der Lubbe di effettuare l’attacco al Reichstag. “Sono convinto che lui (Marinus van der Lubbe) abbia fatto tutto da solo … Un uomo che è disposto a portare avanti intrighi rivoluzionari per proprio conto è proprio ciò di cui ha bisogno il Partito Comunista. Nelle mani del Partito, van der Lubbe divenne uno strumento disponibile, uno che, pur credendo di cambiare da sé, veniva usato da dietro le quinte. Non c’è da stupirsi quindi che il Partito Comunista fosse così felice di usarlo “.

Marinus van der Lubbe, Ernst Torgler, Georgi Dimitrov, Blagoi Popov e Vassili Tanev sono stati incriminati con l’accusa di aver incendiato il Reichstag. Il processo iniziò il 21 settembre 1933. Il presidente della Corte era il giudice Dr. Wilhelm Bürger della Corte suprema.

Il professor Emile Josse, docente di termodinamica al Berlin Technical College, ha sostenuto in tribunale che Marinus van der Lubbe non avrebbe potuto dare fuoco al Reichstag da solo. Georgi Dimitrov , che si difendeva in tribunale, ha commentato: “Sono lieto che anche gli esperti ritengano che van der Lubbe non avrebbe potuto agire da solo. Questo è l’unico punto dell’accusa con cui sono in accordo … desidero chiedere ancora una volta e per l’ultima volta a van der Lubbe. Come già detto, non era solo. La sua condotta, il suo silenzio rendono possibile che persone innocenti siano accusate insieme a lui. Non vorrei chiedere a van der Lubbe dei suoi complici, se il suo atto fosse stato rivoluzionario, ma è controrivoluzionario “. Van der Lubbe si rifiutò di rispondere. Van der Lubbe ha ammesso di aver compiuto tre tentativi falliti di incendio doloso il 25 febbraio in diversi edifici di Berlino. Dimitrov ha chiesto a van der Lubbe: “Perché non sei riuscito a dare fuoco al piccolo istituto di beneficenza, ma sei riuscito a dare fuoco al grande edificio in pietra del Reichstag, e in appena un quarto d’ora? … Il movimento comunista internazionale chiede piena chiarezza sulla questione dell’incendio del Reichstag. Milioni di persone aspettano una risposta!

Il 6 dicembre 1933, Time Magazine riferì che Marinus van der Lubbe aveva fatto un’importante confessione: “Marinus van der Lubbe, che è rimasto seduto per settimane come , balzò improvvisamente in piedi, con gli occhi lucidi e ribollente di proteste che ha scagliato contro il presidente Dr. Wilhelm Bünger. : “Questo processo è iniziato a Lipsia, poi si è trasferito a Berlino, e ora siamo di nuovo a Lipsia, ma non succede mai niente. Non sono d’accordo! Ho bruciato il Reichstag e voglio la mia condanna: vent’anni di prigione o morte! Sono stato interrogato per più di otto mesi. Voglio che succeda qualcosa! Questo processo dura ormai da due mesi. Quanto tempo ci vorrà per ottenere un verdetto? ” Il procuratore capo ha dichiarato: “Questo processo è durato così a lungo perché non riveli i tuoi complici.”Lubbe rispose:” Ho appiccato il fuoco da solo. Nessuno di questi altri imputati ha avuto niente a che fare con questo. Douglas Reed , riferendo il processo per il Times , ha commentato: “I tentativi della corte di strappare a van der Lubbe il segreto dei suoi complici, tuttavia, sono stati infruttuosi. Rimanevano solo due possibilità: che van der Lubbe non avesse complici o che non sapesse chi fossero. L’unico uomo dal quale, si pensava, il segreto potesse ancora essere strappato, non lo avrebbe fatto……

Il 16 dicembre 1933, Georgi Dimitrov fu autorizzato a fare il suo discorso finale alla corte. “Mi sto difendendo. Sto difendendo il mio onore politico, il mio onore di rivoluzionario. Sto difendendo la mia ideologia comunista, i miei ideali. Sto difendendo il contenuto e il significato di tutta la mia vita. Per questi motivi quello che dico in questo processo è una parte di me, ogni frase è l’espressione della mia profonda indignazione per l’ingiusta accusa, per aver messo sul conto dei comunisti questo crimine anticomunista, l’incendio del Reichstag “.

Il 23 dicembre 1933, il giudice Wilhelm Bürger annunciò che Marinus van der Lubbe era colpevole di “incendio doloso e di aver tentato di rovesciare il governo”. Bürger ha concluso che il Partito Comunista Tedesco (KPD) aveva effettivamente pianificato l’incendio per avviare una rivoluzione, ma le prove contro Ernst Torgler , Georgi Dimitrov , Blagoi Popov e Vassili Tanev , erano insufficienti per giustificare una condanna. Il 9 gennaio 1934, quando il pubblico ministero informò Marinus van der Lubbe che il suo appello di clemenza era stato respinto e che sarebbe stato decapitato la mattina seguente, egli rispose: “Grazie per avermi detto: ci vediamo domani . ” Quando è stato condotto fuori dalla sua cella, sembrava calmo e pacifico. Il giudice Wilhelm Bürger ha assistito e ha visto il boia, vestito di frac, cappello a cilindro e guanti bianchi, eseguire la decapitazione.

https://youtu.be/e6dAPF0zROI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.