Pestaggi in caserma: arrestati 4 carabinieri

2560014-lucidi_-

Pestaggi in caserma, quattro carabinieri arrestati in provincia di Massa Carrara, coinvolti altri cinque servitori della patria.

«Quasi una normalità l’illegalità e l’abuso». Abuso in divisa. Carabinieri. Il virgolettato è del procuratore di Massa Carrara Aldo Giubilaro in a proposito delle condotte dei nove carabinieri in servizio alla caserma di Aulla e in quella di Albiano Magra, coinvolti in un inchiesta su presunte irregolarità. Indagine che ha portato oggi all’arresto di 4 militari, al divieto di dimora per altri 4 e alla sospensione del servizio di un nono indagato appartenente sempre all’Arma. Giubilaro non entra nello specifico dei reati contestati – tra cui risulterebbero il falso riguardo a verbali e lesioni personali – limitandosi a spiegare che si tratta di «varie e molteplici cose» e spiegando che ciò che colpisce oltre alla «gravità dei fatti è la loro diffusività e normalità», con condotte irregolari verso chi era sottoposto a controlli, persone sia italiane che straniere, e anche «strumentalizzazioni a fini privati». L’inchiesta, condotta dal pm Alessia Iacopini, è partita sette mesi fa, dopo la denuncia di un italiano. Da lì sarebbero emersi altri episodi, con indagini effettuate anche con intercettazioni ambientali e telefoniche. Tra i casi all’ attenzione della magistratura è finito anche quello di un extracomunitario, un marocchino che portato in caserma per controlli sarebbe stato colpito, riportando una prognosi di pochi giorni. Sembrerebbe che al vaglio degli investigatori ci siano anche molestie nei confronti di una prostituta.

Riassumento: indagati nove carabinieri in Lunigiana. Tre militari sono finiti agli arresti domiciliari e uno in carcere. Per altri quattro militari è stato disposto il divieto di dimora e per un altro la sospensione dal servizio. Reati di lesioni e falso per episodi accaduti nei mesi scorsi nelle caserme di Aulla e Albiano Magra. «L’adozione delle misure, ancorché dolorosa sul piano umano, deve rendere edotti dell’assurdità da parte di chiunque, militari dell’Arma dei carabinieri compresi, di considerarsi al di fuori e al di sopra delle leggi dello Stato e anzi offre garanzia, enucleati gli autori di condotte improprie, della sicura correttezza e del sicuro senso delle regole di quanti altri fanno parte dell’Arma – dice la nota il procuratore di Massa Carrara, Aldo Giubilaro, precisando che l’accaduto è «un fatto circoscritto» e ribadendo «il più incondizionato e alto apprezzamento» per l’opera dell’Arma dei carabinieri. Il procuratore Aldo Giubilaro ha affermato che l’esecuzione del provvedimento è avvenuta «con sincero dispiacere».

Le misure cautelari sono state richieste dalla Procura lo scorso 4 aprile e disposte il 12 giugno dal gip del Tribunale di Massa Carrara, Ermanno De Mattia. Non è consentito, ricorda Giubilaro, «in uno stato di diritto quale è il nostro, che la sola appartenenza a una categoria sociale oppure a un corpo, ancorché meritevole e glorioso come l’Arma dei carabinieri, renda immuni da ogni responsabilità, autorizzi persino la commissione di reati e metta al riparo dal subire indagini». Il procuratore sottolinea come le misure abbiano colpito «un numero ristretto di militari, a dimostrazione dell’impegno, della correttezza, del senso delle istituzioni e dello spirito di sacrificio che normalmente pongono nell’adempimento dei loro molteplici e delicati compiti i militari dell’Arma dei carabinieri della provincia di Massa».

Ercole Olmi da popoff

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...