NON VELINO LE LACRIME LO SGUARDO

bell_italia_big

Il 3 ottobre facciamo memoria di tutte le vittime della strage nel Mediterraneo.
Piangiamole tutte le nostre lacrime per le sorelle ed i fratelli morti.
Ma non velino le lacrime lo sguardo.
Di quelle vittime sono responsabili in primo luogo i governi europei che a tutte loro hanno negato e tuttora negano il diritto a giungere in salvo nel nostro continente viaggiando in modo legale e sicuro.
Poiché questo basterebbe per far cessare la strage nel Mediterraneo e stroncare per sempre le mafie dei trafficanti schiavisti: riconoscere ad ogni persona il diritto di giungere in salvo viaggiando in modo legale e sicuro; riconoscere ad ogni persona il diritto umano fondamentale: salvare la propria vita.
Questo basterebbe per salvarle tutte le persone in fuga dalla guerra e dalla fame, dal terrorismo dei governi e delle mafie, dalle dittature e dal fanatismo, dai disastri ambientali, dagli orrori quotidiani ed immani di un ordine mondiale imperiale e razzista, rapinatore e schiavista.
*
Per salvare tutte le vite basterebbe cessare di fare le guerre e sostenere i regimi e i poteri assassini.
Per salvare tutte le vite basterebbe riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di muoversi in modo legale e sicuro su quest’unico pianeta casa comune dell’umanità.
Per salvare tutte le vite basterebbe riconoscere l’umanità di tutti gli esseri umani, a tutte le umane persone riconoscendo il diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.
Per salvare tutte le vite basterebbe soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa d’aiuto, considerando e trattando ogni altro essere umano cosi’ come vorremmo essere considerati e trattati noi.
*
Il 3 ottobre diciamolo chiaro che le persone che muoiono nel Mediterraneo le uccidono i governi europei che negano loro il diritto di giungere in salvo tra noi in modo legale e sicuro; le uccidono i governi europei che stanno attuando una politica razzista e schiavista, una politica di apartheid su scala planetaria.
Se la commozione è sincera, se il dolore è autentico, il popolo italiano deve innanzitutto chiedere ed ottenere dal parlamento e dal governo due provvedimenti indispensabili ed immediatamente efficaci per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitù in Italia: riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro; riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese.

Viterbo, 2 ottobre 2016, nella Giornata internazionale della nonviolenza

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...