Due segnali di imbarbarimento “maggioritario”

I risultati dei referendum in Ungheria e nella lontana Colombia sono inquietanti. Nel primo caso è ridicolo consolarsi con il mancato raggiungimento del quorum che toglie validità al voto: il dramma è che tra chi è andato a votare una maggioranza schiacciante ha risposto come Orban e la destra fascista e razzista chiedevano. E questo in un paese che faceva parte del sistema del “socialismo reale”. Ai nostalgici di quei regimi va ricordato che non a caso Orban ha trovato i migliori alleati in Polonia, Repubblica ceca e Slovacchia, e non a caso le destre nazisteggianti prosperano proprio nelle regioni della ex Repubblica Democratica Tedesca. Ma non voglio dilungarmi su questo referendum, di cui comunque si parlerà molto in Italia, anche se discutendo soprattutto di aspetti formali, e senza domandarsi perché in Europa si è accumulata tanta sfiducia nell’UE, e perché è possibile mobilitare la parte attiva di un paese di 10 milioni di abitanti contro il “pericolo di invasione” rappresentato da 1.300 (mille e trecento!) richiedenti asilo.

Sono invece più preoccupato dall’esito del referendum in Colombia. Ero già poco convinto dagli entusiasmi per gli accordi di pace, perché conoscevo bene i precedenti accordi che si conclusero sempre con lo sterminio dei guerriglieri che avevano deposto le armi e tentato di partecipare alla vita politica. Ma avevo taciuto, anche per i malanni che mi hanno tenuto lontano dalla tastiera per più di un mese, anche dopo la fase più acuta.

Il rifiuto degli accordi da parte di più della metà dei colombiani che si sono recati alle urne, è comprensibile. Sulla guerriglia che resisteva da oltre mezzo secolo si erano riversate dai media unanimi valanghe di calunnie (ma a volte ci furono anche critiche severe e non infondate agli errori “militaristi” che pure vi furono realmente); inoltre la campagna elettorale contro gli accordi capeggiata dall’ex presidente Uribe ha puntato su argomenti qualunquisti non privi di efficacia nella parte di elettorato più sprovveduta, come la preoccupazione per i 5 posti di senatori assegnati alle FARC in un’assemblea piena di narcotrafficanti e di corrotti.

Ma se è comprensibile il 50,2% di no agli accordi, soprattutto tenendo conto che si è concentrato nelle regioni non toccate dalla guerriglia (e non raggiunte dai suoi argomenti) ma solo dalla propaganda della destra, il risultato è allarmante per altri aspetti: mentre le FARC avevano votato all’unanimità il consenso agli accordi di pace e avevano iniziato a consegnare parte delle armi, e l’ELN si era dichiarato disponibile ad aprire un analogo processo di pace, già durante la cerimonia della firma degli accordi a Cartagena (alla vigilia del referendum) l’aviazione militare colombiana aveva sorvolato provocatoriamente la cerimonia a cui partecipavano delegazioni di molti paesi e lo stesso segretario generale delle Nazioni Unite, suscitando gravi interrogativi. Si veda qui.

Naturalmente, indipendentemente dall’esistenza di un quorum, pesa sul risultato del voto l’astensione di circa un 60% dei colombiani. Ma, come sempre, non alle percentuali e agli aspetti formali che si deve guardare, ma al fatto che tra chi è andato a votare una sia pur ristretta maggioranza si è pronunciata di fatto per il proseguimento della guerra. A dimostrazione che ogni elezione non è un “giudizio di Dio” che riconosce inequivocabilmente chi ha ragione e chi ha torto, ma rivela semplicemente chi ha saputo manipolare meglio l’elettorato grazie al monopolio dei media.

(a.m.)

È apparso intanto un primo commento, largamente condivisibile, che allego: http://www.gennarocarotenuto.it/28124-colombia-la-pace-unillusione-la-democrazia-random/

http://antoniomoscato.altervista.org/index.php?option=com_content&view=article&id=2676:due-segnali-di-barbarie-maggioritarie&catid=8:lamerica-latina&Itemid=16

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...