Le SDF dilagano, Manbij corre verso la liberazione!

CbxKYLQUEAAnrEw.jpglarge

Dopo un assedio durato due mesi, le operazioni anti-ISIS delle milizie curde ed alleate delle Forze Democratiche Siriane (SDF) nella città della Siria del nord sono davvero alle battute finali. In questi minuti, come riportato da molteplici agenzie stampa anche occidentali e dell’opposizione anti-Assad, i partigiani del Rojava stanno dilagando nel nocciolo duro del centro città; dove l’estrema resistenza degli accoliti di Al-Baghdadi, accerchiati da tutti i fronti, si sta sfaldando.

Ma già nelle scorse ore l’esito della battaglia è sembrato segnato, respinti una serie di tentativi di spezzare l’assedio, tranciata in due tra centro città e zona industriale la ridotta dell’ISIS e convocato un consiglio interetnico tra SDF e forze locali del Consiglio Militare di Manbij (MMC) per discutere il futuro della città.

La lunghezza dell’assedio rispetto ad altre operazioni delle SDF come la presa di Shaddadi (che ha fatto dubitare i detrattori della loro effettiva capacità di combattimento in una grande area urbana) è stata dovuta al tentativo di risparmiare più vite possibile da parte dei partigiani curdi ed arabi. L’ISIS non ha esitato a disseminare il territorio di mine e veicoli esplosivi ed a farsi scudo della popolazione locale (liberata palmo a palmo assieme ad ogni metro dell’abitato), rifiutando di deporre le armi dopo molteplici appelli. Non sono mancate le polemiche per l’utilizzo arbitrario da parte degli Stati Uniti, le cui forze speciali hanno partecipato all’operazione, dell’arma aerea.

Manbij rappresentava il principale punto di raccolta del sedicente califfato per i jihadisti stranieri transitanti dalla Turchia, ed era soprannominata “Little London” per l’ampia fetta di questi che finiva per risiedervi. Ora verrà reclamata dai suoi legittimi abitanti, tra i quali purtroppo mancherà il comandante Faisal Abu Leyla – stratega dell’operazione per la liberazione della sua città, fautore del dialogo interetnico e caduto sul campo lo scorso 5 giugno.

La battaglia contro l’ISIS nella regione di confine di Sebha non è tuttavia ancora finita. Restano i valichi di frontiera di Jarabulus ed Al-Rai e la città di Al-Bab, centro dell’intelligence estera jihadista. Ma un nuovo, enorme passo avanti è stato appena compiuto dal Rojava in lotta contro settarizzazione ed oscurantismo.Biji Berxwedana SDF!

http://www.infoaut.org/index.php/blog/prima-pagina/item/17464-le-sdf-dilagano-manbij-corre-verso-la-liberazione

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...