Bolzano: i moderno fascisti del PD aprono ai fascisti del 3° millennio di casapound

CYX8IlVWkAANr-H

L’allarme è partito dall’Anpi di Bolzano che esprime sconcerto per la decisione del sindaco, Renzo Caramaschi, del Partito Democratico, eletto con il 55% dei voti alle recenti amministrative (con l’appoggio della Svp e dei Verdi) di sdoganare i fascisti di Casapound, reduci dall’exploit in consiglio comunale, passati da 1 a 3 seggi, più quello andato al loro candidato sindaco – ed ex sindaco della città per pochi mesi – Giovanni Benussi.
Non avendo una solida maggioranza ad appoggiarlo il primo cittadino del Pd ha affermato che nei
confronti dei “fascisti del terzo millennio”, come amano definirsi gli estremisti di destra, non aveva alcuna preclusione. E per tutta risposta i quattro consiglieri fascisti invece di votare contro la maggioranza che sostiene il sindaco si sono astenuti, anzi sono usciti dall’aula.

In città molti si chiedono se l’astensione sia il frutto di qualche accordo sottobanco tra l’amministrazione e i fascisti. D’altronde già il vicesindaco dell’Svp (gli autonomisti sudtirolesi) Christoph Baur avevo usato toni assai concilianti nei confronti di Casapound: “Voglio capire la ragione del loro successo nei quartieri, e, perché no, parlare anche con i loro consiglieri. E scambiarci impressioni”. Alla prima seduta del consiglio comunale di Bolzano il capogruppo dell’estrema destra, Maurizio Puglisi Ghizzi, si è presentato in camicia nera ed ha ringraziato: “Se il comportamento del sindaco Caramaschi o del vice Baur è costruttivo, se da settimane non ci sbattono la porta in faccia come altri in passato, perché non dobbiamo collaborare?”.

E poi l’astensione, una specie di appoggio esterno nei confronti dell’amministrazione di centrosinistra, con Caramaschi che in un intervento durante la seconda seduta del consiglio lascia intendere che a quelli di Casapound potrebbe venire assegnata la presidenza di una commissione. “Non esiste nessuna preclusione istituzionale nei confronti di Casapound. Sono stati eletti e fanno parte del consiglio comunale, anche se ideologicamente siamo lontani come il polo nord e il polo sud” ha spiegato Caramaschi. Il PD, subissato di critiche e proteste, sembra tranquillo. Un po’ meno i quattro consiglieri di Casapound – ribattezzati ‘i fascisti del terzo millennio in camicia hawaiana’ dopo che alla seconda seduta del consiglio si sono presentati con una camicia sgargiante invece che con quella nera sfoggiata nel corso dell’inaugurazione – che altri gruppi di destra ed estrema destra, come Lega e Uniti per Bolzano, accusano di aver tradito, sostenendo con la loro astensione la giunta guidata dal PD.

http://proletaricomunisti.blogspot.it/2016/06/pc-23-giugno-bolzano-i-moderno-fascisti.html

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...