Trieste – Dai like di facebook al “piccone risanatore”

All’alba di giovedì 26 maggio un gruppo di nazisti ha assaltato Casa delle Culture, prendendo a picconate la porta e squarciandola, lasciando scritte naziste e svastiche ovunque.

Il gruppetto di nazisti non è riuscito a sfondare e dare fuoco alla porta come avrebbe voluto, ma il gesto resta incredibilmente grave.

È cosi che vanno le cose: mentre si fa campagna d’odio per guadagnare i voti dell’ultradestra, le parole diventano realtà.

I click su facebook diventano picconi, le parole diventano pietre, i flirt diventano amori consolidati. Per opportunismo o strategia si inizia strizzando l’occhio a fascisti e razzisti e non si torna indietro. Troppo spazio e troppo riconoscimento è stato dato e si sta dando in questa città a compagini fasciste e razziste.

C’è stato chi l’ha fatto esplicitamente, come la Lega, i suoi alleati e il suo candidato sindaco Di Piazza.
E c’è stato chi l’ha fatto implicitamente, avvallando e dando legittimità a discorsi e iniziative che di ambiguo avevano ben poco, vedendo tra le loro fila esponenti ben conosciuti della Lega e dei fascismi locali.

Ci riferiamo alle vicende dell’estate scorsa, dai topolini in poi, che hanno visto coinvolta parte significativa della sinistra istituzionale o meno.
Ci riferiamo a troppe ambiguità e omissioni lungo tutto l’inverno su ogni questione che riguardava i migranti.
E ci riferiamo al silenzio assordante verso i discorsi esplicitamente razzisti e di incitamento all’odio della campagna politica ed elettorale, che fossero verso i migranti o che fossero verso i movimenti sociali.

Il livello si è alzato al punto che qualsiasi cretino si sente legittimato a scherzare sul nazismo e farci sopra della nostalgia, in pubblico e senza vergognarsi – anzi venendo scusato con indulgenza.
E che qualsiasi cretino si sente legittimato a prendere un piccone in mano.

Anche considerando solo l’ultimo mese in Italia innumerevoli aggressioni fasciste e roghi a strutture di accoglienza di chiara matrice razzista.

Non è un gioco né una fissazione, al contrario di quello che parte della sinistra chic si ostina a ripetere, attaccata all’illusione renziana delle sorti magnifiche di una società 2.0 tutta liberismo, mercato e siti web ultrafashion.

Quell’illusione sta annegando nel suo spritz di coltura, tra le macerie e la barbarie di una società 0.0 nella quale le peggiori pulsioni vengono facilmente cavalcate dalle destre più becere a suon di nazionalismi, sciovinismi e razzismi vari.

Noi non ci stiamo, né ci facciamo intimidire.

La questione non è fascisti contro Casa delle Culture.

La questione è la barbarie contro l’umanità, il buio della storia contro il futuro.

Riguarda tutte e tutti, e non è il momento né di nascondersi, né di tirarsi indietro bensì di prendere parte.

È con queste motivazioni che vogliamo creare da subito un’occasione di condivisione e scambio.

Domani, venerdì 27 maggio, ritroviamoci tutti in Casa delle Culture per un aperitivo sul ponte a partire dalle ore 18:00. Cancelleremo le becere tracce lasciate sulla facciata.

Vi invitiamo inoltre sabato 28 maggio alle ore 18:00 al Caffè San Marco (https://www.facebook.com/events/1729236690678678/) all’incontro organizzato dagli attivisti della campagna #overthefortress sul tema delle politiche europee di militarizzazione e chiusura delle proprie frontiere e l’avanzata di gruppi di estrema destra in numerosi paesi europei.

Sabato 4 giugno dalle ore 12 pranzo sociale assieme a Refugees Welcome to Trieste, come ultimo incontro prima dell’estate assieme ai migranti che hanno partecipato al Bazar e ai corsi di italiano in Casa delle Culture.

http://www.globalproject.info/it/in_movimento/trieste-dai-like-di-facebook-al-piccone-risanatore/20119

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...