21 maggio 2013 Abderrahman Salhi torturato e ucciso dai carabinieri

2560014-lucidi_-

21 maggio 2013 Padova

Un contadino nota un corpo affiorare dalle acque del Frassine. Il volto è tumefatto, gonfio dal mix tra il caldo di quei giorni di metà maggio e dalla lunga permanenza nell’acqua.

E’ il corpo di Abderrahman Salhi, 25enne marocchino, fermato da carabinieri la sera del 15 maggio e portato all’interno della caserma di Montagnana.

Dopo essere stato pestato in caserma Salhi è stato portato sulle rive del Frassine, messo in acqua fino alla cintola e poi abbandonato lungo la sponda del fiume

Li chiamavano “trattamenti particolari per rinfrescare le idee”, ma non erano altro che forme di tortura commesse dai carabinieri. Un abuso di potere, con stranieri “molesti” gettati sulle acque gelate del fiume Frassine.

L’annegamento di Abderrahman Salhi aveva fatto emergere i “tuffi” ai quali alcuni militari costringevano i presunti molestatori. In pratica, erano trattamenti a base di acqua gelata: atti illegali che sono stati riservati a tre extracomunitari.

21 maggio 2013 – Padova

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...