Roma. Un femminicidio da fascista, non per caso

Una donna uccisa in un bar, a Corcolle, Roma, periferia così lontana dalla capitale che quasi non sembra Roma. Assunta Finizio, 50 anni, aveva cacciato di casa l’uomo, Augusto Nuccetelli, mercoledì scorso, dopo aver scoperto un tradimento.

Come racconta l’agenzia Ansa, matrice di ogni articolo che uscirà su questo “episodio di cronaca nera”, si tratterebbe “soltanto” di un uxoricidio come tanti, fruto di una mente malata che non accettava una separazione dopo una convivenza.

Non voleva rassegnarsi alla fine della relazione. Non aveva alcuna intenzione di interrompere quel rapporto come invece voleva lei, così l’ha seguita nel bar e l’ha freddata con quattro colpi di pistola, davanti agli occhi increduli di clienti e passanti, ancora sotto shock. E’ quanto successo questa sera alla periferia est di Roma, in via di Lunghezza, all’interno di un bar tabacchi che si è poi affollato d agenti della Squadra Mobile e della Scientifica al lavoro per ricostruire con esattezza quanto avvenuto. Secondo le prime informazioni, l’uomo, un 51enne italiano con piccoli precedenti, avrebbe seguito la convivente, coetanea ed italiana anche lei, all’interno del bar. Lì avrebbe estratto la pistola esplodendo quattro colpi raggiungendo la compagna alla mano, all’addome e al petto.

L’omicida, stando alle testimonianze di chi si trovava sul posto, avrebbe poi tentato la fuga sbarazzandosi dell’arma in una stradina limitrofa. Passanti e clienti, però, hanno allertato immediatamente la polizia che è intervenuta fermando l’uomo e portandolo in questura dove avrebbe ammesso le proprie responsabilità. Secondo quanto si apprende, la coppia abitava in zona. La donna era una cliente abituale del bar. Stando alle testimonianze di chi li conosceva, i due erano spesso protagonisti di litigi. I clienti del bar ed i passanti che in quel momento si trovavano in zona sono ancora sotto shock, terrorizzati da quell’uomo e da quella pistola estratta davanti a tutti. Il suono dei colpi esplosi risuona ancora nelle loro orecchie, mentre il cadavere della donna giace a terra in un lago di sangue, ennesima vittima della furia di un assassino.

Quel che le agenzie non riportano, invece, ve lo raccontiamo noi, dalla viva voce degli abitanti del posto:

In questo video, esattamente al minuto 8:30, trovate l’ìassassino che parla di convivenza, integrazione, rispetto e giustizia, intervistato da Piazza Pulita, in un reportage di Salvatore Gulisano da Corcolle. L’occasione era stata fornita da una montatura organizzata: una aggressione – mai verficatasi – ai danni di una autista dell’Atac, donna, da parte di presunti “immigrati”. I fascisti si erano subito lanciati sulla vicenda e scatenando tentati pogrom, che avevano quindi spinto alcune troupe televisive a cercare di documentare “la sensazione di invasione causata dall’emergenza immigrati che si trasforma in odio e reazioni violente…”
C’è anche un’interessante descrizione dei molti tatuaggi fascisti, esibito con orgoglio e strafottenza.
Una piccola notazione politica aggiuntiva: il futuro assassino, grazie alle sue evidenti doti intellettuali, era stato poi candidato in circoscrizione col Movimento per le Autonomie di Raffaele Lombardo.
Buona visione.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...