Cremona: Continua la repressione, la procura alla “ricerca” di Anonymous

wp-1451116995969.jpgimage

Continua la repressione post 24 gennaio cremonese. Un compagno del  C.S.A. Dordoniè ora accusato di essere un hacker di Anonymous, a sua insaputa.

La Procura di Brescia ha chiamato in causa Michele, ritenendo che “in concorso con altre altre persone rimaste sconosciute e appartenenti al sodalizio Anonymous si introduceva abusivamente […] nel sistema informatico e telematico protetto del tribunale di Cremona determinandone l’oscuramento e la temporanea interruzione“.

L’azione, che ha paralizzato il portale internet per circa 6 ore, era stata rivendicata da Anonymous in solidarietà ai primi due arrestati per gli scontri della giornata di lotta antifascista. A breve il compagno avrà un interrogatorio con il Pubblico Ministero titolare delle indagini.

Ai nostri microfoni ci spiega meglio l’accaduto Michele, del CSA Dordoni

da Radio Onda d’Urto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...