Processo Casalnuovo: domani 21 dicembre verrà pronunciata la sentenza del processo d’appello

Ecasalnuovo’attesa per domani lunedì 21 dicembre presso il tribunale di Potenza una nuova udienza la sentenza del processo d’appello per la morte di Massimo Casalnuovo. Sul banco degli imputati il maresciallo dei carabinieri Cunsolo Giovanni, assolto in primo grado con formula dubitativa, accusato di omicidio preterintenzionale. Per questo secondo grado di giudizio la corte ha deciso di integrare l’istruttoria con i testimoni che non erano stati ascoltati in primo grado e convocando gli agenti di polizia giudiziaria che svolsero gli accertamenti sulla dinamica del fatto e sul mezzo sequestrato. Nella scorsa udienza il Procuratore Generale ha chiesto che venga riconosciuta la responsabilità per il reato ascritto e pertanto la condanna alla pena di 5 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale.

I fatti:

Massimo muore il 20 agosto del 2011 intorno alle 21. Arriva all’ospedale di Polla agonizzante dopo la caduta dal motorino. Il ragazzo viaggiava su uno scooter, era senza casco ma attenzione: non è morto per aver sbattuto la testa (come si tende a far credere) ma per la violenta botta al torace. Massimo era appena uscito dall’officina in cui lavorava con il padre, non prendeva il motorino da un po’ di tempo. Lo aveva appena aggiustato. Era stato a fare un giro e stava tornando a casa. Non aveva indossato il casco. Lo fanno un po’ tutti a Buonabitacolo. Quella sera la pattuglia dei carabinieri con a bordo il maresciallo Giovanni Cunsolo e l’appuntato Luca Chirichella decide di controllare i ragazzi senza casco, ne fermano due: Elia Marchesano e Emilio Risi. I carabinieri mettono la macchina di traverso sulla strada e formano una specie di posto di blocco. Peccato che lo facciano dietro una curva. La “scena” si svolge sulla strada principale della città, via Grancia, che porta a una piccola piazza dove di sera si ritrova la gente del paese. Cunsolo è seduto dentro la gazzella e sta redigendo la contravvenzione.

Massimo sta arrivando con il suo scooter Beta 50. Sin dal primo momento la versione dei due ragazzi fermati e quella del carabiniere sono opposte. Cunsolo dirà che Massimo, arrivato davanti al “posto di blocco”, accelera, quasi lo investe. Poi perde il controllo del ciclomotore e cade battendo la testa su un muretto a secco. I due ragazzi, interrogati la notte dell’”incidente” dal pm Sessa della Procura di Sala Consilina, hanno invece fornito un’altra 8095_3224296377817_1250541372_nversione: Cunsolo era dentro alla macchina, quando vede arrivare Massimo esce dall’auto e per fermarlo sferra un calcio sulla carena del motorino. E’ quel calcio che fa perdere l’equilibrio a Massimo che cade, e muore. Il 5 luglio 2013 la giudice Enrichetta Cioffi del tribunale di Sala Consilina assolve il maresciallo dei carabinieri Cunsolo Giovanni dall’accusa di omicidio preterintenzionale perchè “il fatto non sussiste” anche se con formula dubitativa. A questa sentenza si è arrivati senza un vero processo in quanto l’imputato ha scelto il rito abbreviato. Con questa procedura è infatti quasi impossibile ascoltare i testimoni e la decisione dei giudici dipende unicamente dall’analisi dei documenti presentati dalle parti. La modalità di verbalizzazione degli interrogatori non è stata adeguata perchè anziché trascrivere letteralmente le deposizioni si è proceduto a riassumere i contenuti dell’esame, lasciando ampio margine interpretativo sia al verbalizzante sia a chi poi è chiamato a giudicare e anche i periti,che hanno stilato perizie divergenti tra loro non hanno potuto spiegare nel dettaglio i risultati a cui sono giunti. La questione delle perizie, comunque, sembra essere fondamentale: in quella depositata dalle parti civili, si analizza una rietranza su un lato del motorino. Quell’impronta, sarebbe stata prodotta da un violento calcio a seguito del quale Casalnuovo finisce a terra. Il pubblico ministero ha chiuso la sua requisitoria chiedendo che il vicecomandante fosse condannato per omicidio preterintenzionale con l’aggravante dell’abuso di potere, con una pena di 9 anni e 4 mesi.

7236_359982404125200_1849957647_n (1)Qui sotto potete vedere il documentario ” Mi chiamo Massimo e chiedo giustizia”. In 40 minuti il documentario prende in esame tutte le fasi dell’accaduto; dal primo comunicato stampa dell’Arma che incolpava Massimo di avere investito il maresciallo dei carabinieri, all’insurrezione della comunità di Buonabitacolo, le voci di Emilio Risi ed Elia Marchesano testimoni oculari dell’incidente, le istituzioni locali, gli atti di indagine della polizia giudiziaria, le perizie tecniche, fino alla battaglia portata avanti dalla famiglia Casalnuovo in questi anni, e l’udienza preliminare che il 5 luglio 2013 ha visto assolvere il maresciallo dei carabinieri Giovanni Cunsolo, unico indagato per la morte di Massimo.

Casa originale dell’ articolo http://www.acaditalia.it/2015/12/processo-casalnuovo-domani-21-dicembre-verra-pronunciata-la-sentenza-del-processo-dappello/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...