La poliziotta del G8 e lo scandalo albanese

La promozione era arrivata a processo in corso, la riconferma dopo la condanna. Nei giorni bui del G8 del 2001 in cui la caserma di Bolzaneto si trasformò in un centro di tortura, Anna Poggi, dirigente di polizia genovese, era la responsabile dell’ufficio trattazione atti della struttura, in cui vennero arrestati illegalmente, umiliati e seviziati decine di manifestanti noglobal.

Come per tanti altri poliziotti perseguiti per le violenze durante il vertice, la condanna a 2 anni e 4 mesi (confermata in Cassazione ma prescritta) non le ha impedito gratificazioni e avanzamenti di carriera. Nonostante i guai con la giustizia l’Italia la promuove a rappresentante investigativo e diplomatico in Albania: un incarico delicatissimo, poiché guida un coordinamento interforze legato all’Interpol, in prima linea nella lotta al narcotraffico mondiale a cui l’Italia presta un occhio di riguardo, essendo a pochi chilometri dalle sue coste. L’ufficio oggi è lambito da uno scandalo che, dopo aver investito il ministro degli Interni Saimir Tahiri, accusato dall’ex capo dell’Antidroga di Valona di essere legato a una gang di narcos, rischia di far cadere il governo di Tirana. E Poggi è stata, misteriosamente, rimossa dal Viminale.

Una spy story internazionale

Per capire meglio questa storia, si può iniziare dall’epilogo, nell’agosto scorso. In un anonimo ufficio delle autorità svizzere si presenta un uomo che chiede asilo politico. Ha paura, si sente braccato, ha lasciato in incognito l’Albania, il suo paese, perché teme per la propria sicurezza e quella della famiglia. Un tempo era una figura importante, è stato capo della polizia di frontiera di Valona e poi responsabile della lotta al narcotraffico. Si chiama Dritan Zagani. Nell’ultimo anno ha subito un’onta: l’arresto con l’accusa, come nelle più classiche delle trame noir, di essere passato dall’altra parte. Si sarebbe fatto prendere la mano da operazioni illegali, avrebbe smerciato droga e venduto informazioni a investigatori italiani della Guardia di Finanza.

Della stessa vicenda lui racconta tutta un’altra versione: i suoi problemi, dice, sono cominciati quando ha scoperto una nuova rotta dei narcos, che invece di attraversare le acque avevano iniziato a far volare aerei pieni zeppi di droga diretti in Italia. L’indagine lo porta a una banda di cui farebbero parte anche i cugini del ministro dell’Interno albanese e che avrebbe utilizzato auto di Stato per nascondere i carichi. Lo scenario che descrive, in un’intervista resa pubblica dal giornalista d’inchiesta Basir Collaku, è apocalittica. E dal crimine organizzato porta ai gangli dello Stato. Il caso diventa subito un terremoto. Chi è davvero Zagani, un funzionario corrotto, come dice il premier di Tirana, o un Serpico che ha toccato interessi troppo forti? E soprattutto: che implicazioni ha per l’Italia tutto questo?

L’imbarazzo diplomatico

A giugno il polverone è già in corso. E dopo molti anni Anna Poggi viene rimossa e sostituita dal sostituto commissario Michele Grillo. Fonti del Viminale lo definiscono un avvicendamento di routine. Ma è un fatto che la situazione non è facile all’interno degli uffici investigativi italiani. Da un lato ci sono le contestazioni dei detrattori di Zagani, che lo descrivono come un uomo che avrebbe passato informazioni alle Fiamme Gialle (in modo infedele). Dall’altro c’è la versione alternativa dello stesso Zagani, raggiunto ieri al telefono dal Secolo XIX nel luogo segreto in cui è rifugiato: tra le prove contro di lui, sostiene, ci sarebbe anche una lettera firmata dai vertici dell’ufficio investigativo italiano. Una missiva che avrebbe adombrato irregolarità sulla sua attività. Uno scenario che, aldilà di quanto verrà accertato, porta alla luce una situazione esplosiva che rischia di investire anche l’Italia. Mentre, sostiene il poliziotto in fuga, con la Finanza conduceva delicatissime inchieste antinarcos, autorizzate e conosciute da entrambi gli Stati.

Questi veleni hanno a che fare con il cambiamento del vertice dell’ufficio investigativo italiano a Tirana? Anna Poggi è intanto finita a Lubiana, in Slovenia. E Il Secolo XIX ha provato a contattarla attraverso vie legali. Senza successo, ma con lo spiraglio che una replica possa arrivare nei prossimi giorni. Da tempo il ministero dell’Interno (per la dirigente genovese come per gli altri colleghi prescritti ma responsabili civili) si è invece accollato l’onere del risarcimenti delle vittime di Bolzaneto. Prima delle condanne definitive, altre promozioni illustri avevano riguardato superpoliziotti condannati per i fatti di 14 anni fa, irruzione alla scuola Diaz in particolare: Vincenzo Canterini (da capo dei celerini a capo Interpol in Romania), Francesco Gratteri (ex numero tre della polizia), Giovanni Luperi (ex capo analista dei servizi segreti), Gilberto Caldarozzi (ex capo dello Sco, l’Fbi italiano).

da il secolo XIX

http://www.osservatoriorepressione.info/la-poliziotta-del-g8-e-lo-scandalo-albanese/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...