La repressione non va in vacanza!

In questi giorni di caldo afoso, negli uffici delle questure casertana la macchina repressiva non si ferma.

Lo scorso fine settimana è stato infatti notificato un invito a comparire con un probabile proseguo delle indagini a carico di una compagna del Laboratorio Politico Iskra, “accusata” di aver solidarizzato con lo sciopero dello scorso 16 ottobre organizzato dal S.I. Cobas fuori i cancelli della TNT di Teverola.

Si tratta dell’ennesimo atto intimidatorio che mira a colpire chi solidarizza con i lavoratori che rialzano la testa, che vogliono riconquistare ciò che gli è stato sottratto in anni di sfruttamento.
È la chiara volontà di evitare, con atti repressivi, che si creino collegamenti e reti di solidarietà intorno a chi non svende i diritti del lavoratori ma ha condotto e conduce lotte reali e vincenti nei principali magazzini della logistica.

Si colpisce chi porta la solidarietà per colpire i lavoratori!
La repressione non fermerà la nostre lotte!
La nostra piena solidarietà va a chi si è speso al fianco delle lotte operaie!

http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o47166:e1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...