Anch’io #tisaluto

Immagine

In Italia l’insulto sessista è pratica comune e diffusa. Dalle battute private agli sfottò pubblici, il sessismo si annida in modo più o meno esplicito in innumerevoli conversazioni.

Spesso abbiamo fatto commenti misogini e sessisti – non si nasce antisessisti – e ne abbiamo anche subiti. Considerazioni sul corpo altrui e sul suo uso sessuale e sessuato, allo scopo di intimidire, ridicolizzare e ricondurre alla condizione di oggetto, come critica alle altrui opinioni o come violento rifiuto di ogni manifestazione di soggettività e di autonomia di giudizio, quando espresso da un sesso che non è il nostro.

In Italia l’insulto sessista è pratica comune perché è socialmente accettato e amplificato dai media, che all’umiliazione delle persone, soprattutto delle donne, ci hanno abituato da tempo.

Ma il sessismo è una forma di discriminazione e come tale va combattuto.

A gennaio di quest’anno il calciatore Kevin Prince Boateng, fischiato e insultato da cori razzisti, ha lasciato il campo. E i suoi compagni hanno fatto altrettanto. Mario Balotelli minaccia di fare la stessa cosa.

L’abbandono in massa del campo è un gesto forte. Significa: a queste regole del gioco, noi non ci stiamo. Senza rispetto, noi non ci stiamo.
L’abbandono in massa consapevole può diventare una forma di attivismo che toglie potere ai violenti, isolandoli.

Pensate se di fronte a una battuta sessista tutte le donne e gli uomini di buona volontà si alzassero, abbandonando programmi, trasmissioni tv o semplici conversazioni.

Pensate se donne e uomini di buona volontà non partecipassero a convegni, iniziative e trasmissioni che prevedono solo relatori uomini, o quasi (le occasioni sono quotidiane).

Pensate se in Rete abbandonassero il dialogo, usando due semplici parole: #tisaluto.

Sarebbe un modo pubblico per dire: noi non ci stiamo. O rispettate i generi sessuali o noi, a queste regole del gioco, non ci stiamo.

Se è dai piccoli gesti che si comincia a costruire una società civile, proviamo a farne uno molto semplice. Andiamocene. E diciamo #tisaluto.

Questo post è pubblicato/ribloggato in contemporanea anche da altre/i blogger: Marina TerragniLoredana LipperiniLorella ZanardoGiovanna CosenzaSabrina AncarolaMammamsterdamZeroviolenzadonneUn altro genere di comunicazione, Ipazia è(v)vivaLa donna obsoletaLaboratorio DonnaeSud De-Genere,Coppette amore e…Politica FemminileCaso maiZaubereiCosmic Mummyin generethe new Brix BlogMammaeconomia,Donne in ritardoValentina MaranmalapecoraEssere DonneMente MiscellaneaI Fratelli KaramazovAnarkikkaIl porto delle nuvoleConsiderazioni di una donnaDonne ViolaSabrina BarbanteHo fatto il composto!Carla “conta” e creaBlog di Sara101 uomini più..., ElenaSe non ora quandoEMPOROSLa solita SimonettaNo alla violenza sulle donneNon lo faccio piùL’Italia che cambia
 
E nella versione femminile da Vita da streghe
E nella versione maschile da Lorenzo Gasparrini.
Se ti va, copincollalo anche tu!
 
Immagine
 
 

Vita da streghe: #TISALUTO.

Annunci

8 thoughts on “Anch’io #tisaluto

  1. Pingback: #TiSaluto | IfratelliKaramazov

  2. Pingback: Combattiamo il linguaggio sessista con un “Ti Saluto” | Le persone e la dignità

  3. Pingback: Combattiamo il linguaggio sessista con un “Ti Saluto” | Queste sono solo parole

  4. Pingback: Combattiamo il linguaggio sessista con un “Ti Saluto” | rete13febbraiopt

  5. Pingback: #Tisaluto, per fermare gli insulti sessisti | TANTOPREMESSO.it

  6. Pingback: #tisaluto | Frequenze LesbicheFrequenze Lesbiche

  7. Pingback: #tisaluto | ladoppiaversione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...