Iqbal Masih,la storia di un bambino coraggioso

Iqbal Masih è il bambino pakistano di dodici anni che ha osato ribellarsi alla sua condizione di semi-schiavitù come tessitore di tappeti denunciando i suoi sfruttatori. A 5 anni venduto dai genitori, costretti a pagarsi i debiti, ad un fabbricante di tappeti; per 6 anni tenuto legato al suo telaio dopo che aveva tentato di fuggire ai suoi sfruttatori; la paga era di una rupia (= 55 lire) per 12 ore di lavoro al giorno.

Fuori dalla fabbrica Iqbal conosce Eshal Ullah Kahn, leader del Fronte di Liberazione dal Lavoro forzato. Iqbal comincia a viaggiare, tiene conferenze. A Stoccolma nel 1994, ad 11 anni, parla ad una conferenza internazionale sul lavoro.
Iqbal M. diceva:

Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite

Sogna di diventare avvocato per poter difendere i deboli e gli indifesi.

Non ho paura del mio padrone; ora è lui ad aver paura di me

Riceve una borsa di studio dalla Brandeis University ma la rifiuta per rimanere nel suo paese ad aiutare i suoi amici. Tra i suoi progetti: costruire una scuola. Per la sua attività di denuncia e di promozione le autorità pachistane sono costrette a chiudere decine di fabbriche di tappeti, ma Iqbal crea problemi, per la mafia locale è un pericolo, un personaggio scomodo per chi sul lavoro dei bambini si arricchisce: le prime minacce di morte.

Il 16 aprile 1995, a 12 anni, Iqbal viene ucciso, vittima di un colpo di fucile, sparato da un assassino rimasto ignoto. Il “sindacalista” dei bambini viene fermato, ma non la sua causa! Quando fu ucciso correva in bicicletta: forse pensandosi libero di essere soltanto un bambino.

Lettera di Iqbal Masih

Sono Iqbal, ho undici anni e abito in un paesino del Pakistan insieme alla mia famiglia. Mio padre è molto malato, povero e lavora poco. Per questo motivo, alcuni anni fa, quando io avevo cinque anni, lui ha contratto dei debiti con dei signori cattivi, che gli hanno proposto di chiudere il debito se uno dei suoi figli fosse stato disposto a lavorare per lui in una fabbrica di tappeti. Io mi sono offerto di andare a lavorare pur di sciogliere il debito di mio padre.

Non ho mai avuto giocattoli in vita mia. Avevo un grande desiderio di imparare a leggere e scrivere, perché sono convinto che gli unici arnesi da lavoro che i bambini dovrebbero tenere in mano, sono penne e matite, ma lì non si poteva studiare, bisognava lavorare giorno e notte. Ci tenevano incatenati l’uno all’altro per paura che fuggissimo, ma io non avevo alcuna intenzione di fuggire perché dovevo aiutare mio padre.

Il padrone ci teneva sotto controllo ogni istante perché se sbagliavamo ad annodare un tappeto ci puniva severamente, costringendoci a stare sotto il sole dentro un recipiente di metallo senza né mangiare né bere.

Sono finito due volte dentro a quel recipiente: una volta da solo ed un’altra insieme ad un ragazzo malato di polmoni, che dopo qualche giorno è morto senza che nessuno avesse chiamato un medico per curarlo. Una mattina sono andato insieme al padrone al mercato, nella piazza principale del paese, dove c’era un signore tanto simpatico che diceva che i bambini non devono lavorare. Mi piaceva quello che diceva e una sera lo andai a trovare nel luogo dove si riuniva con i suoi amici. Abitava in un luogo bellissimo: era una scuola grandissima dove però c’erano pochi bambini e così decisi di andare a liberare tutti i miei amici che venivano tenuti schiavi nelle fabbriche. Il mio amico e liberatore avvisò la polizia, ma gli agenti erano d’accordo con il mio padrone cattivo e non gli fecero niente. Da quel momento mi sentii libero, imparai a leggere e a scrivere, e adesso che ho quasi dodici anni sono contento di avere liberato tanti bambini. Voglio tornare nel paese di mia nonna perché c’è il mare. La mattina corro felice facendo volare il mio aquilone insieme a tutti i miei amici. Una di queste mattine qualcuno mi ha ucciso:
“Ora voi siete liberi…….e sono libero anch’io”.

Martedì 16 aprile giornata dedicata a Iqbal Masih, ucciso a dodici anni dalla mafia dei tappeti il 16 aprile 1995, per essersi liberato d aver liberato migliaia di bambini dalla schiavitù del lavoro forzato. Una serie di eventi intesi alla diffusione e alla consapevolezza, a Palazzo Ducale.

Si parte, martedì 16, con un incontro-conferenza aperto al pubblico, alle ore 17.00, nella Sala di Rappresentanza di Palazzo Tursi, con Ehsan Khan, sindacalista pakistano che aveva liberato Iqbal nel 1992 dalla schiavitù dei fabbricanti di tappeti e fondatore del BllfFronte di Liberazione dal Lavoro schiavizzato, intervistato da Stella Acerno di Amnesty International.

La giornata prosegue con la narrazione teatrale Il diritto di essere bambini: la storia di Iqbal raccontata dai ragazzi, con 43 ragazzi diretti da Enrica Origo, presso il Munizioniere di Palazzo Ducale, ore 20.30. Infine, mercoledì 17 aprile Ehsan Khan incontra gli studenti delle scuole superiori.

Il progetto è di Enrica Origo, autrice, insegnante e regista, con la collaborazione di Amnesty International Almamusica, e il patrocinio del Comune di Genova, Assessorato ai Diritti. 2011. L’iniziativa è nata nel 2011 con un progetto-teatrale dedicato alla figura di Iqbal Masih da parte della Compagnia teatrale di ragazzi diretta da Enrica Origo, attrice nata al Teatro Stabile di Genova e cresciuta alla scuola di Jerzy Grotowski e di Carlo Cecchi, con
la messa in scena, in occasione de La Storia in Piazza, e dello spettacolo che viene ora replicato.

Advertisements

5 thoughts on “Iqbal Masih,la storia di un bambino coraggioso

  1. Povero Iqbal Masih . Che un giovane uomo coraggioso ! Si dice che ci sono più uomini , donne e bambini nei vincoli della schiavitù del nostro tempo , rispetto a qualsiasi altro momento della storia , anche quando la schiavitù era legale in molti paesi .

    Si deve fermare !

  2. La storia mi appassiona Posso sin d’ora porre a disposizione MY Private MIND per far conoscere meglio la reatà libanese, del mondo Mediorientale. In èpassato mi sono interessato alla cultura sociale a Gerusalemme e dei Drusi. Ogni cultura arricchisce e va rispettata ma non deve mai separare ed allontanare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...